Quando mio figlio ha la febbre mi sento come il Dottor Jekyll e Mister Hyde

download

Ho un vero e proprio sdoppiamento della personalità…

Fase Dottor Jekyll:

Mi sento quasi perfetta perché riesco a capire il minuto esatto in cui gli salirà la febbre, riesco a capire quando aspirargli il naso con la fisiologica prima che il muco si impossessi di tutti i vestiti.
So cosa dargli da mangiare prima che la febbre ritorni, so quando vuole stare in collo o quando invece non vuole alzarsi dal lettino. So tutto e agisco con calma apparente, nenache fossi una crocerossina modello. Conosco i miei limiti così non aspetto troppo a dare le medicine… Bene o male che sia agli occhi degli altri non me ne frega nulla… Ho passato la fase della ricerca del consenso.
E da buon Dottore agisco.

Fase Mister Hyde:
Arrivo a non sopportarlo e a non sopportarmi. Soffro di evidenti disturbi della personalità… Vorrei sdoppiarmi ma ancora non mi è riuscito. Vorrei teletrasportarmi, ma non mi riesce.

Allora prima di impazzire chiedo aiuto e mi trasporto da sola in qualche altra parte… Aria…
Mi sento Mister Hyde quando vorrei metterlgli un cerotto sulla bocca per farlo stare zitto… quando devo tenerlo per dargli il più cattivo degli antibiotici e lui si dimena neanche fosse una carpa.
Mister Hyde quando penso che vorrei essere altrove, che darei tutto per dormire come quando reso giovane sino alle due del pomeriggio.
Mister Hyde quando gli metto il ciuccio in bocca e gli dico “ora basta dai, dormi“.

Ero già un segno doppio (Gemelli per la cronaca), ma da quando sono mamma mi sento spesso bipolare…

FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi