Se dico famiglia penso a noi: uniti, innamorati, vivaci come le stampe di un foulard di Missoni, ma anche imperfetti come certi cappuccini che sono sempre troppo caldi – chissà perchè in certi bar fanno bollire il latte sino a renderlo ustionante.

Secondo Wikipedia  “la famiglia è un nucleo sociale rappresentato da due o più individui che vivono nella stessa abitazione e, di norma, sono legati tra loro col vincolo del matrimonio, con convivenza, o da rapporti di parentela o di affinità“.

Una definizione davvero fredda: nessun riferimento all’amore, al rispetto, al bene, alla voglia di stare insieme ogni giorno.

Esistono le famiglie vere e quelle di cuore.

In entrambi i casi non sei tu a scegliere loro, ma sono loro a scegliere te.
È vero i genitori e i fratelli non si scelgono ma possiamo scegliere di vivere appieno quella famiglia oppure no. Possiamo voler farne parte diventando una cosa sola o possiamo scegliere di viverla senza troppa intensità. Io purtroppo o per fortuna scelgo di viverla con molteplici intensità: con slanci di amore infinito, mischiati a paure che si fanno largo come se oscurassero tutto.

A volte sembra che diventi tutto buio,  ma invece la tua famiglia è lì e se la lasci entrare nulla più farà paura.

Poi ti innamori – un giorno – e inizi a pensare che quella persona potrebbe diventare la tua famiglia. Lo capisci davvero quando i suoi difetti ti piacciono perché  li cerchi quando non c’è.
Può succedere che si vacilli, che si paragoni la nostra famiglia alle altre vedendo sempre le altre come quelle del Mulino Bianco.
Quanto sono buone le merendine del Mulino e quanto è triste l’immagine di quella famiglia.

Io sono tremendamente imperfetta lo sono sempre stata, fa parte di me e chi mi ama lo sa.
La mia famiglia è talmente imperfetta che tante volte amici, parenti e conoscenti si sono arrogati il diritto di farcelo notare, sino a dirselo tra di loro facendo paragoni e allusioni: lasciano il bambino dai nonni, lo portano fuori con la tosse, lei non ha allattato e potrei andare avanti all’infinito!

Poi arriva il momento di dimostrare che noi siamo una famiglia e siamo ancora qui perchè adesso o si vince o si perde tutto.
E qui capisci anche chi è realmente la tua famiglia di cuore. Quella che hai scelto e che soprattutto ci ha scelto.

E arriva un momento in cui quello che conta è lasciare tutto fuori e ascoltare chi ci ama perchè sa davvero quanto le imperfezioni siano magnifiche.

Ecco la mia definizione di famiglia: un luogo perfettamente imperfetto dove tutto può succedere.

4e769802

photo-1415201179613-bd037ff5eb29

photo-1416592525293-e65266465eb7

FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi