36382900_L1Sd9OIn_c_large

Caro piccolo mio,domenica è stata una giornata epocale nella storia del nostro paese, di questo paese in cui sei nato, ma di cui ancora – purtroppo o per fortuna – sai ben poco. Ieri ci hanno chiesto, anzi una signora dell’età della nonna non è riuscita a pronunciarla quella parola… voleva dirci che dovremo fare dei Sacrifici Sacrificio è una parola importante, dal significato denso perché ci racconta che dobbiamo lavorare duro a discapito di tutto e tutti per ottenere quello che vogliamo dalla nostra vita. Potrei dirti che nella tua vita per non rinunciare ai tuoi sogni dovrai fare dei sacrifici, che per non far mancare nulla alla tua famiglia dovrai fare dei sacrifici, che la vita di coppia è fatta di sacrifici e talvolta compromessi…

Ma non credere che sacrificio abbia solo un’accezione negativa… Fare dei sacrifici per gli altri può regalarci un sorriso.. Tu ci dispensi sorrisi ogni giorno facendoci dimenticare in un lampo tutti i salti mortali che facciamo per te… Ma torniamo alla signora che rotta dalla commozione non riesce a pronunciarla questa parola… E mentre lei si commuoveva, tuo nonno imprecava perché da mancargli un anno alla pensione adesso gliene mancano tre (e chi sa cosa cambierà poi)… La parola pensione invece te la spiegherò con calma perché tanto la mamma non la prenderà mai e te chissà… Ieri ci hanno detto che se tutti, e dico tutti, ci rimbocchiamo le maniche possiamo uscire dalla crisi… È il tutti che però ci frega… Tutti chi…
I ricchi che restano ricchi, il ceto medio che diventa povero o i poveri he diventano
sempre più poveri…
Ti raccontiamo la storia di Robin Hood e Little John che rubano ai ricchi per dare ai poveri, beh nella vita vera capirai che non è così, anzi al limite sono i poveri che rubano per dare i poveri.

Guardo quella che sono oggi e sono sempre più convinta di dover ringraziare i miei genitori e i miei nonni (i tuoi bisnonni di cui ti racconterò qualche aneddoto perchè non li conoscerai mai) per i Sacrifici che hanno fatto… Erano altri tempi è vero: l’economia girava, lo spread non esisteva, Berlusconi pensava alle televisioni e io ero una bambina che poteva farsi tre mesi di mare, che praticava sport, aveva il cellulare quando uscito e chi p
iù ne ha più ne metta… Mi guardo allo specchio e mi chiedo se riuscirò a darti quello che i miei genitori hanno dato a me… Mi assale la consapevolezza di non esserne capace: oggi l’economia è in crisi, esiste lo spread, Berlusconi non si occupa più di televisioni e tu forse tre mesi di mare li farai solo grazie a tuo nonno… Uomo di altri tempi, dai mille sacrifici e dalle mille risorse. Se oggi in Italia le famiglie vanno avanti lo dobbiamo a quei nonni che ancora non possono andare in pensione, ma che dopo anni di lavoro vorrebbero sedersi un attimo a riprendere fiato, a giocare con i propri nipoti. Sono quei nonni che dopo aver fatto sacrifici per i figli, continuano a sacrificarsi per i nipoti, in nome dell’amore per i figli.
Caro iPepo, sono stati tassati un pò di beni di lusso, per fortuna l’Irpef – parolona difficilissima per dire imposta sul reddito delle persone fisiche (cioè noi comuni mortali) – non è stata toccata, aumenterà l’accise sulla benzina (ma in Italia viaggiano tutti uno per macchina e continuiamo a far circolare a targhe alterne invece di fare il car pooling), è stata reintrodotta l’Ici (ora si chiama in un altro modo) sulla prima casa e messa una tassa su seconda e terza casa… Menomale che sei un maschietto altrimenti ti avrebbero tassato la casa di Barbie… Non sono d’accordo ad aver reintrodotto l’Ici, la casa è un diritto e dovrebbe essere tutelata. Avrei piuttosto introdotto l’Ici sugli immobili della Chiesa e dei Sindacati e così Peppone e Don Camillo avrebbero continuato a riposare in pace perchè mal comune mezzo gaudio. Oggi le Borse hanno reagito bene (quella della tua mamma invece sempre allo stesso modo), il mitico spread è finalmente sceso… Tu ti sei addormentato mentre io e tuo babbo ci siamo messi a guardare gli speciali in Tv e in silenzio, credo che entrambi abbiamo iniziato a fantasticare sul tuo futuro sperando di poterti aiutare a realizzare i tuoi sogni…

FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi