Quando Letizia mi ha spedito il suo libro “Marta ad alta voce” chiedendomi di recensirlo le dissi subito che lo avrei fatto con calma perché non ho mai il tempo per dedicarmi completamente alla lettura! 

Ma tutto è andato diversamente: il libro è arrivato e nello spazio di qualche sera l’ho letto! 

Mi ha folgorato la copertina nella sua estrema semplicità, con quei colori tenui e quella ragazza mora con gli occhi chiusi e un fiore nei capelli!  Mi ci sono vista (anche io sono mora e porto a volte passate con i fiori nei appelli) e così ho iniziato a leggere. Marta è una ragazza come me, come noi, una che fa un lavoro che ama (o che crede di amare) che ha una grande amica, due genitori innamorati dopo anni e dopo crisi superate (alla faccia dei divorzi lampo di oggi). E’ un mulo sul lavoro vuoi perché è donna vuoi perchè è single, ma le piace e lo fa bene. Ha una passione per il suo capo e in amico fidato che la ama ma che lei non viole vedere. A un certo punto accade qualcosa, lei si sente di aver raggiunto la felicità, poi la felicità le sfugge e poi ritorna di nuovo piu grande e vera di prima…
Parla di maternità, non cercata ma poi voluta con tutte quelle forze che solo una mamma può avere! 
E poi Mara parla ad alta voce e io parlavo con lei. Perché la storia è un po’ un classico della vita: dal bello e dannato  all’amico fidato che non ci rendiamo conto di avere…
Tutto questo viene raccontato con  un linguaggio semplice, diretto senza sfumature, che sembra  il pensiero di tutte noi! che può essere quello di tutti noi! 

E poi sarà che anche io l’amico fidato l’avevo vicino e non lo vedevo sino a quando non ci siamo fidanzati:)
FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi