Il sesso fa bene all’amore, alla coppia a noi stesse.

Vivere la propria sessualità in maniera divertente, irriverente e appagante è fondamentale e lo diventa ancora di più durante la gravidanza. Un periodo bellissimo, talvolta difficile e ormonalmente parlando impegnativo. E lo è sia per la donna che vive tutto questo in prima persona, sia per l’uomo che le è accanto per 9 mesi.

Ma ecco #occhioallosterica che torna con qualche domanda fatta a Beatrice  e che ci toglierà (speriamo) ogni dubbio.

 • Sesso in gravidanza, sì o no?

Assolutamente sì! Ovviamente se la coppia lo desidera, senza forzature. Fare l’amore scatena reazioni ormonali molto piacevoli nella futura mamma, regalandole benessere e appagamento! Il bebè nell’utero sente questa cascata ormonale e percepisce l’amore tra mamma e papà, beneficiando di questa meravigliosa sensazione.

 • Quali precauzioni si devono adottare (se ci sono)?

In caso di minaccia d’aborto o di parto pretermine, oppure qualora venga consigliato per validi motivi dall’ostetrica o dal ginecologo, si dovrebbe prendere una pausa dai rapporti. In tutti gli altri casi, la coppia è libera di sperimentare la sessualità in questo nuovo contesto, senza freni ne divieti, anzi è il caso di approfittarne! A volte potrebbe essere necessario l’uso di un lubrificante, che può essere uno strumento in più per la coppia.

 • Posizioni da prediligere?

Più la gravidanza avanza, più si potrebbe incappare in difficoltà. Non scoraggiatevi! Le posizioni più comode possono essere a cucchiaio (sul fianco il pancione non pesa), ad amazzone (la futura mamma sopra), a carponi e tutte quelle in cui la coppia trova un buon feeling! Potete provarne alcune che non avreste mai immaginato di apprezzare, oppure se il rapporto completo è un problema, potete comunque giocare e osare e fare tutto ciò che vi sentire sexy,felici e rilassate!

 • Cosa fare se nella donna cala il desiderio?

La futura mamma vive un momento molto delicato e particolare, quindi è bene che la coppia ne parli serenamente e trovi la propria soluzione ideale. Si può dedicare più tempo alle coccole, ai massaggi, magari creando sorprese piacevoli come un bel bagno caldo con aromi da condividere a lume di candela, una cena speciale per due… In questo modo poi, se si crea l’atmosfera giusta, ci si possono concedere lunghi preliminari e vedere dove porta la serata!

• E se cala il desiderio nell’uomo?

Ci sono tanti uomini che si sentono osservati dal bimbo nella pancia, che hanno paura di creare danni alla gravidanza e alla loro compagna… Anche in questo caso, iniziare per gradi può essere d’aiuto! La donna spesso in gravidanza esprime al massimo la sua sensualità, è voluttuosa, luminosa. Quindi può mostrare al partner che rimane sempre “amante” nonostante ora sia anche mamma! Proporre nuove posizioni, nuovi stimoli, può aiutare il papà a lasciarsi andare, se la mamma lo guida nel modo giusto.

 • Puoi raccontarci almeno 3 falsi miti sul sesso in gravidanza?

Sul sesso in gravidanza se ne dicono d’ogni… Purtroppo! La più frequente è che la penetrazione fa male al bimbo:niente di più falso! Come spiegavo sopra, lui può solo esserne contento, anche perché è protetto da numerose barriere! Un altro falso mito è che l’orgasmo può provocare un aborto spontaneo:c’è moltissima differenza tra le leggere contrazioni che si avvertono durante e appena dopo l’orgasmo e quelle percepite durante un aborto in atto. Se la gravidanza è a rischio è un altro paio di maniche, ma in una gravidanza fisiologica questo pensiero non dovrebbe nemmeno sfiorare la futura mamma.

Infine, posso rassicurarvi sul fatto che dopo un rapporto una lieve perdita ematica può essere normale. Spesso tante donne si spaventano perché trovano qualche traccia di sangue dopo il rapporto, il sangue viene associato sempre a situazioni tragiche ma i tessuti vaginali sono più delicati in gravidanza, anche per l’aumentata portata sanguigna nei vasi e spesso si rompono piccoli capillari durante “lo sforzo” della penetrazione. Ma non indica per forza un evento patologico, quindi state tranquille e vivete serenamente e con gioia la sessualità apprezzando i cambiamenti che il vostro corpo vive!

Naturalmente, se avete dubbi o siete preoccupate, potete rivolgervi al pronto soccorso, alla vostra ostetrica o al medico di riferimento.

 Aggiungo un’altra riflessione: se nell’ultimo periodo di gravidanza fare l’amore risulta una “fatica”nonostante il desiderio, un metodo molto utile per approcciarsi può essere il massaggio perineale con l’olio. Dalla 30-32 settimana è utile alla futura mamma perché aiuta i tessuti perineali a distendersi e prepararsi in vista del parto, riducendo il rischio di lacerazioni. Per di più, se praticato dal partner può essere un buon preliminare, rilassante e stimolante al tempo stesso! Un ottimo compromesso e sicuramente un piacere per entrambi!

large (3)

large (4)

large

FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi