Sono stata nervosa. Molto.
Intrattabile a volte. Volevo stare da sola quasi sempre e ci riuscivo quasi mai!

Quante volte soprattutto i primi mesi vi sarete sentite dire “stai calma, non ti agitare il bambino sente le tue tensioni” o ancora “sei nervosa ecco perché oggi anche lui è così irrequieto“…

Quanto ho odiato queste frasi fatte.
Si perché lo sanno anche i muri che è così, ma anche i muri sanno che ripeterlo in continuo a una con due tette enormi che nemmeno il marmo di Carrara, o a una che non dorme da due notti, o a una che il bambino di poppare non ne vuole sentir parlare, non contribuisce certo a far svanire il nervosismo.

E allora che fare?
Cari dispensatori di consigli chiudete la bocca e agite.

Come?

Ecco qualche esempio:

- Prendete il bambino qualche oretta e lasciate la psico-mamma a riposare. Da sola e in silenzio. Si in pigiama alle 2 di pomeriggio.

- Regalate una seduta dal parrucchiere e/o estetista. Loro si che si prenderanno discretamente cura della mamma.

- Se andate a casa in orario aperitivo/cena portate voi una pizza o un mojito che non guasta mai. Lei non ce lo chiederà, sappiate che 8 donne su 10 non hanno certo la voglia di mettersi a cucinare.

- Se andate a casa non fate notare il caos. Se siete mamme o suocere rimettete quello che potete senza domandare e senza voler rivoluzionare niente. Pulite e basta.

- Non fate esempi e paragoni con i bambini delle vostre amiche o parenti. Teneteveli per voi o raccontateli al vostro psicanalista o alla cassiera del pizzicagnolo sotto casa.

Si sono stata nervosa.
Si lo sarò ancora.
E quando nicco lo capisce viene da me è mi dice “mamma ridi” e ridiamo insieme…

Io e lui che nonostante i miei nervosismi è tutto tranne che un bambino nervoso.

large-1

FacebookTwitterGoogle+PinterestBlogger PostCondividi